San Giovanni in Croce


In tema di semplificazione dei pagamenti, il Comune introduce la possibilità di adempiere telematicamente agli oneri dovuti a tutte le PPAA. Sul piano delle agevolazioni, si impegna a non prevedere il pagamento degli oneri di urbanizzazione (primari e secondari) per le imprese che intendono insediarsi nell’Area “Sacchini” e a rilasciare il Permesso di Costruire entro 45 giorni dalla richiesta.

ACCORDO PER L’ATTRATTIVITÀ TRA  

REGIONE LOMBARDIA

E

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN CROCE (CR)

                                                                        

Il Comune di San Giovanni in Croce ha presentato l’Area Sacchini, si tratta di un’area greenfield di proprietà pubblica, con oltre 10.900 mq di superficie territoriale che si presta a diverse attività, da quella industriale/artigianale a quella direzionale/uffici ma anche alla logistica ed è situata in posizione strategica e in un contesto industriale-artigianale di notevole interesse.

L’accordo prevede interventi infrastrutturali per la posa della fibra ottica nei principali nodi nevralgici della zona industriale-artigianale e cablaggio della sede municipale e la creazione di un sistema per aumentare la sicurezza delle imprese grazie alla realizzazione di varchi bidirezionali per il controllo completo degli accessi viari del territorio comunale e dell’area industriale.

In tema di semplificazione dei pagamenti il Comune introduce la possibilità di adempiere telematicamente agli oneri dovuti a tutte le PPAA. Sul piano delle agevolazioni si impegna a non prevedere il pagamento degli oneri di urbanizzazione (primari e secondari) per le imprese che intendono insediarsi nell’Area “Sacchini” e a rilasciare il Permesso di Costruire entro 45 giorni dalla richiesta. Nel dettaglio il Comune applica i seguenti interventi:

 

Interventi di semplificazione 

  • Garantisce che il Piano Attuativo presentato dall’impresa sia adottato dalla Giunta Comunale in un termine minore di 90 giorni dalla data di protocollazione della richiesta.
  • Rilascia, a fronte della completezza dell’istanza, il Permesso di Costruire in un termine minore di 60 giorni dalla richiesta.
  • Assicura un servizio di front office online o una sezione dedicata nel portale del Comune ove siano reperibili tutte le informazioni utili per gli investitori o aspiranti tali.
  • Utilizza e implementa la «Scrivania telematica».
  • Semplifica la gestione dei pagamenti creando un unico interlocutore per il pagamento di tutti gli oneri dovuti al Comune e agli altri enti.
  • Provvede attraverso il S.U.A.P. alla corretta alimentazione del Fascicolo Informatico d’Impresa.
  • Garantisce un corso di formazione per gli operatori S.U.A.P.
  • Partecipa a programmi di formazione relativi al Fascicolo Informatico d’impresa.

 

Interventi di incentivazione economica e fiscale

  •  Dichiara preventivamente tutti gli oneri urbanistici ed edilizi impegnandosi a non introdurre ulteriori oneri.
  • Prevede un’aliquota IMU (6‰) + TASI (1‰) = del 7‰ nelle aree individuate.
  • Prevede un’esenzione TARI per i primi due anni dall'insediamento.
  • Prevede la compensazione dei debiti e crediti IMU e TASI.
  • Riduce gli oneri di urbanizzazione (primari e secondari) per le aree individuate come segue: Parametro standard del Comune: 16,03 €/mq primari, 7,55 €/mq secondari. Parametro migliorativo per le aree individuate: riduzione del 100%.
  • Riduce lo standard qualitativo e gli eventuali oneri necessari al mutamento di destinazione d’uso del 5% per le aree individuate.

 

Interventi di promozione e assistenza all’investitore

  • Fornisce un servizio di consulenza istruttoria preventiva e di accompagnamento per la presentazione e l’attuazione del progetto da parte dell’impresa con rilascio di pareri scritti se richiesti dal proponente.
  • Organizza incontri periodici sia per la risoluzione di eventuali problematiche inerenti al processo di investimento sia per il supporto rispetto alle modalità di pagamento dei tributi locali.
  • Attiva forme di collaborazione con gli istituti di credito del territorio.

 

Perché investire a San Giovanni in Croce?

Perché crede nel lavoro e nei sogni degli imprenditori. Investe per le imprese, con un progetto di sviluppo mirato nella sua area artigianale attrezzata, con una rete logistica funzionale, al centro delle principali vie di comunicazione per il Brennero, Milano, Bologna. Un Comune che apre un accesso agevolato ai servizi per le imprese e attiva uno staff di consulenti a supporto.

Perché è governato da una Amministrazione che ha come obbiettivo la qualità della vita di uomini e imprese e vuole fare squadra con loro.

Per creare una comunità efficiente e solidale tra cittadini, imprese, e servizi, in una dimensione culturale fatta di luoghi, spazi, incontri.

Un sistema dove vivere i servizi di una grande città e le relazioni di un antico borgo, in un ambiente circondato dalla natura, con piste ciclabili, passeggiate e luoghi da scoprire e dove ritrovarsi.

Con il bando Attract di Regione Lombardia si è posto l’obiettivo di diventare lui stesso, come ente pubblico, soggetto attivo di una strategia di attrattività delle imprese. Ha deciso cioè di scendere in campo come soggetto in grado di orientare le scelte di una impresa, portandola ad insediarsi nel proprio territorio.

Non è un processo semplice, presuppone un approccio pro-attivo e non statico, intraprendente proprio della logica aziendale più che istituzionale. Infatti il Comune ha assunto il ruolo di imprenditore, il suo prodotto è fare comunità, fare lavoro, creare le condizioni migliori per l’insediamento di unità produttive di qualità.

L’Amministrazione si è posta in una logica di attrattore, analizzando le proposte e i vantaggi che era in grado di offrire.

Comprendendo l’importanza del concetto di incubazione e di Marketing territoriale, è andata oltre il ruolo di ente di gestione e amministrazione del territorio, per diventare promotore, animatore e ideatore del profilo culturale, attrattivo e turistico del territorio stesso. Ha trasformato l’amministrazione pubblica in hub, cui tutti gli attori si collegano per incontrarsi e organizzare una strategia d’insieme.

San Giovanni in Croce ha sviluppato una diretta correlazione tra il piano marketing territoriale e la qualità e l’attenzione dell’attività amministrativa, portando insieme l’attenzione verso le imprese del territorio che già esistono o che potrebbero insediarsi e verso i valori sociali, storici e culturali di cui è depositario.

Oggi le maestranze, il loro rapporto con l’azienda, le competenze sono un fattore di produzione non de localizzabile, della massima importanza, cui l’impresa presta la massima attenzione: insediarsi quindi in un territorio accogliente, attento alle esigenze delle famiglie, delle donne, degli anziani, è fondamentale per porre i lavoratori in una condizione ottimale.

Per affrontare gli effetti della crisi economica ed essere costantemente al fianco della cittadinanza e delle imprese, il Comune ha intrapreso un processo di analisi delle sue risorse e di riorganizzazione strutturale ed infrastrutturale per cercare di sfruttarle al meglio, anche grazie a strumenti e possibilità date dalle manovre di governo europeo, nazionale e regionale. La mission perseguita è aumentare la capacità di creare condizioni ambientali adeguate affinché i cittadini possano godere di una soddisfacente qualità della vita ed il tessuto imprenditoriale locale possa svilupparsi e raggiungere posizioni competitive difendibili, attraverso la crescita delle imprese esistenti, l’avvio di nuove aziende ed il reperimento di nuovi investimenti ed investitori.

Per questo il Comune ha lavorato sulle sue risorse tangibili e intangibili

 − infrastrutture;

− offerta di servizi pubblici;

− struttura urbanistica;

− presenza di aree attrezzate per l’insediamento di imprese;

− logistica;

− elementi culturali e frequenza di grandi eventi;

− presenza o prossimità di incubatori e strumenti atti alla nascita e crescita di start up ed al supporto delle imprese;

 

Questi elementi, che sono facilmente verificabili e riscontrabili, si devono sommare ai fattori intangibili di un territorio, indubbiamente più difficili da rintracciare, ma di fondamentale importanza, tra i quali:

 − il sistema dei valori morali e civili;

− la qualità del sistema produttivo locale;

− qualità delle risorse umane presenti;

− la qualità ed il livello del benessere.

 

Possono sembrare apparentemente meno importanti rispetto a quelli tangibili nonché difficilmente analizzabili, eppure svolgono una funzione decisiva nella qualità percepita di un territorio. Prima di tutto, la mancanza di alcuni degli elementi appena descritti può seriamente compromettere l’efficacia e la possibilità di utilizzo di molti elementi tangibili, inoltre, le risorse intangibili esprimono il reale potenziale di creazione di innovazione e apprendimento in un territorio, in un contesto dove l’innovazione ed il rinnovamento sono protagonisti e grazie al loro contributo è possibile definire e successivamente trovare adeguata collocazione nel mercato territoriale per una città, in modo da renderla capace di competere con le altre.

 Questi elementi valoriali sono fortemente presenti all’interno del territorio del Comune di San Giovanni in Croce. Gli elementi trascinatori sono senza dubbio la presenza di un tessuto imprenditoriale, con una storia ed una forte esperienza: imprese vivaci, competitive ed aperte agli scambi, configurano una condizione fondamentale per lo sviluppo di relazioni collaborative reticolari tra imprese, mercato ed istituzioni.

Altro elemento cardine è rappresentato dall’impegno e dagli sforzi compiuti dall’amministrazione comunale per progettare e sviluppare adeguati piani di sviluppo dell’offerta territoriale con interventi di miglioramento infrastrutturali e tecnologici, attivazione di un percorso agevolato sblocca-burocrazia.

 

Possiamo dire che a

San Giovanni in Croce è facile insediarsi, è semplice lavorare.